SAN e Nestlé stringono partnership per l’acquisto responsabile delle spezie

coltivazioni ecosostenibili peperoncino

Introduzione al progetto, dati generali:

  • Tipo di progetto: Programma di acquisto responsabile, che include valutazione, verifica e implementazione delle migliori pratiche.
  • Posizione: Inizialmente l’India e altre località chiave per l’approvvigionamento di spezie da definire.
  • Cultura: Peperoncino, cumino, coriandolo e curcuma in India.
  • Implementazione: luglio 2018-dicembre 2020
  • Beneficiari: Produttori di spezie Nestlé, famiglie, comunità e fornitori con un focus iniziale su Rajasthan, Andhra Pradesh, Telangana e Karnataka.
  • Donatore: Nestlé

Sul progetto

La collaborazione tra SAN e Nestlé si basa su una mentalità condivisa di co-creazione verso un obiettivo comune: creare risultati positivi di sostenibilità nelle filiere agricole. Questo accordo consentirà l’identificazione e l’implementazione di meccanismi in grado di generare un impatto positivo per gli agricoltori, le comunità e l’ambiente, al di là di un approccio di certificazione incentrato sulla conformità.

L’India è il più grande produttore e consumatore di spezie al mondo. Del volume totale di spezie prodotte in India, solo il 10% viene esportato. Tuttavia, la produzione di spezie di questo paese costituisce il 40% delle esportazioni mondiali. Il settore delle spezie è uno dei settori più dinamici del commercio agricolo indiano e rappresenta una parte importante dell’economia e del patrimonio culinario del Paese.

Circa il 98% della produzione di spezie in India proviene da piccoli produttori, che normalmente coltivano meno di due ettari e cambiano stagionalmente la coltivazione di spezie e altri prodotti, a seconda dell’area geografica.

Questo scenario è irto di sfide di sostenibilità che variano a seconda della coltura e della regione e che influiscono sulla salute e sul benessere dei produttori, delle loro famiglie e delle loro comunità. Alcune di queste sfide includono:

  • Uso eccessivo di prodotti agrochimici e uso di sostanze chimiche pericolose
  • Mancanza di gestione del suolo e dei nutrienti
  • Fluttuazioni dei prezzi di mercato per spezie e altre colture
  • Infestazioni da parassiti e cambiamenti climatici
  • Riduzioni della disponibilità di acque sotterranee
  • Carenza di lavoro
  • Qualità del seme

Questo è il motivo per cui il progetto mira a sviluppare strategie personalizzate per migliorare i mezzi di sussistenza e la resilienza, la sostenibilità ambientale delle aziende agricole, le condizioni di lavoro sicure e il rispetto dei diritti umani e del lavoro.

In questo contesto, SAN attuerà azioni per:

  • Supportare la valutazione della tracciabilità per la catena di fornitura delle spezie di Nestlé
  • Avanzare in una co-progettazione di risultati e indicatori di performance
  • Intraprendere valutazioni di benchmark in India
  • Progettare e pilotare il sistema di acquisto responsabile con i rispettivi piani d’azione
  • Formare fornitori e partner di implementazione
  • Creare un quadro di monitoraggio e valutazione
  • Controlla i risultati del programma

SAN e Nestlé credono che le soluzioni autosufficienti e durevoli provengano da una base di conoscenza locale supportata da esperti esterni. Queste soluzioni devono essere comprese, accettate e replicabili dai beneficiari: le comunità di produttori ei fornitori. Pertanto, SAN e Nestlé adotteranno un ruolo di “attivatore” e “catalizzatore” per i fornitori ei produttori coinvolti e adatteranno gli sforzi necessari alle sfide affrontate dalle diverse aree di approvvigionamento. Inoltre, saranno identificate e supportate tutte le opportunità per consentire l’agrobusiness e per coinvolgere altri stakeholder nella creazione di una più ampia proposta di valore condiviso.

Risultati

SAN sta collaborando con Nestlé per progettare indicatori di performance e risultati specifici per misurare il successo nelle 4 aree di impatto positivo: mezzi di sussistenza resilienti, sostenibilità ambientale delle aziende agricole, condizioni di vita e di lavoro sicure e diritti umani e del lavoro. 

Leave a Comment