Google Maps Bici: É finalmente disponibile il percorso ecologico su maps

percorso-ecologico-google-maps-bici

L’azienda promette che i conducenti non rimarranno sulla strada più del solito.

L’app Google Maps inizierà a creare percorsi per i conducenti, calcolati in modo tale che l’auto emetta una quantità minima di anidride carbonica. La società ha affermato che il navigatore costruirà il percorso tenendo conto dell’analisi del traffico nella direzione selezionata, della presenza di pendenze e di altri dettagli importanti.

Google ottiene i suoi dati sulle emissioni dai rapporti del National Renewable Energy Laboratory degli Stati Uniti. E le informazioni stradali provengono da Street View (Google Street View), da immagini aeree e satellitari.

Gli esperti promettono che i conducenti non potranno più raggiungere la loro destinazione utilizzando percorsi rispettosi dell’ambiente rispetto a quelli abituali.

La funzione verrà lanciata negli Stati Uniti entro la fine dell’anno e successivamente in altri paesi. L’innovazione fa parte dell’impegno assunto da Google. L’azienda designa nella sua strategia che costruirà il lavoro dei servizi in modo tale da contribuire alla lotta al cambiamento climatico.

Google Maps inizia a mostrare percorsi ecologici direttamente integrati sulle mappe di Google

Google Maps inizierà a indirizzare i conducenti verso i percorsi che calcola essere i più ecologici in base a un elenco di fattori.

Il motore di ricerca ha affermato che evidenzierà i viaggi che generano l’impronta di carbonio più bassa utilizzando principalmente i dati sul traffico e le pendenze stradali.

Google ha affermato che la funzione verrà lanciata prima negli Stati Uniti entro la fine dell’anno “con un’espansione globale in arrivo”.

La nuova funzionalità fa parte del suo impegno nella lotta ai cambiamenti climatici.

Una volta avviato, il percorso predefinito sull’app Google Maps sarà l’opzione “eco-friendly”, a meno che gli utenti non scelgano di disattivarla.

Quando i percorsi alternativi sono significativamente più veloci, Google offrirà scelte e consentirà agli utenti di confrontare le emissioni stimate.

“Quello che stiamo vedendo è che per circa la metà delle rotte, siamo in grado di trovare un’opzione più ecologica con un compromesso in termini di tempo minimo o nullo”, ha affermato Russell Dicker, direttore del prodotto di Google.

Il motore di ricerca, di proprietà di Alphabet, ha affermato di utilizzare i dati sulle emissioni basati su test su diversi tipi di auto e tipi di strade, attingendo alle intuizioni del National Renewable Energy Lab (NREL) del governo degli Stati Uniti.

I suoi dati stradali tengono conto delle pendenze e delle pendenze delle auto di Street View, insieme alle immagini aeree e satellitari.

Perché è stato fatto questo passo su Google Maps Bici da parte di Google e quali obiettivi ecologica avrà la nuova funzione?

“Questo è un ottimo esempio di tre tendenze che si uniscono: i dati, la sostenibilità e la scelta dei consumatori”

ha affermato Siddharth Pathak, partner della società di consulenza Kearney.

“Spingerà anche quelli indecisi a fare una scelta deliberata di velocità rispetto alla sostenibilità e spesso ai costi”.

Avvisi di zona

Da giugno, Google inizierà ad avvertire i conducenti che stanno per viaggiare attraverso zone a basse emissioni in cui alcuni veicoli sono soggetti a restrizioni. Questi sono comuni in paesi come Germania, Francia, Paesi Bassi, Spagna e Regno Unito.

“Da Amsterdam a Giacarta, le città di tutto il mondo hanno stabilito zone a basse emissioni, aree che limitano i veicoli inquinanti come alcune auto diesel o auto con adesivi specifici sulle emissioni per aiutare a mantenere l’aria pulita”

ha affermato Google in un post sul blog .

“Per supportare questi sforzi, stiamo lavorando su avvisi per aiutare i conducenti a capire meglio quando navigheranno attraverso una di queste zone”.

Gli utenti di Google Maps saranno anche in grado di confrontare auto, bicicletta, trasporto pubblico e altre opzioni di viaggio in un unico posto invece di passare da una sezione all’altra in una nuova funzionalità lanciata quest’anno.

Il gigante tecnologico statunitense afferma di aver sviluppato a lungo pratiche sostenibili a beneficio dell’ambiente e si è impegnato a essere privo di carbonio entro il 2030 per aiutare le città a monitorare le emissioni di gas serra.

Leave a Comment

en_USEnglish