Ecco come la vitamina D previene il deterioramento della memoria

Scienza dimostra che vitamina D previene deterioramento memoria e apprendimento

La vitamina D è noto per avere una vasta gamma di effetti benefici sul corpo umano. La cosiddetta “vitamina del sole” è responsabile per una migliore salute delle ossa, un sistema immunitario più forte, del polmone sano e una funzione cardiaca migliore. carenza di vitamina D è associata ad un aumentato rischio di ipertensione (pressione alta), ed è anche noto che influenza negativamente la produzione di insulina tra le persone con diabete di tipo 2.
Un nuovo studio suggerisce ora che la vitamina D può anche influenzare la mente. In particolare, la carenza di vitamina D può avere effetti cognitivi negativi, come scarsa memoria e persino la schizofrenia.

Vitamina D può prevenire malattie legate alla memoria

I ricercatori dell’Istituto Cervello dell’Università di Queensland trascorso 20 settimane a guardare topi adulti privi di vitamina D e un gruppo di controllo. Essi hanno scoperto che i topi carenti di vitamina D ha avuto un scarso rendimento nei test cognitivi. I topi carenti di vitamine ha avuto difficoltà a imparare cose nuove e ha mostrato poca memoria a breve termine.

(*Correlati: Come la vitamina D mantenere salute del cervello e le opere per ridurre il rischio di depressione.)

Le scansioni del cervello hanno mostrato che i roditori hanno mostrato una riduzione nelle reti perineuronali nell’ippocampo. “Queste reti formano una maglia forte e solidale intorno certi neuroni, e così facendo, stabilizzare queste cellule fanno contatto con altri neuroni,” ha detto il ricercatore Thomas Burme. “Come i neuroni nell’ippocampo perineuronale perdono le loro reti di sostegno, hanno connessioni mantenendo problemi, e questo alla fine porta a una perdita della funzione cognitiva.”

Burme ha aggiunto sulla vitamina D:

“C’è stata anche una forte riduzione sia nel numero e la forza delle connessioni tra i neuroni nel [l’ippocampo].”

L’ippocampo è una piccola area del cervello associato principalmente con la formazione della memoria. Si è anche legato alla navigazione spaziale, memoria spaziale e l’inibizione del comportamento.

“Purtroppo, non è ben compreso esattamente come la vitamina D influenza la struttura e la funzione del cervello, quindi non è chiaro il motivo per cui la carenza provoca problemi”, ha detto Burne. Gli autori hanno creduto che la carenza di vitamina D colpisce zanzariere perineuronali ai più vulnerabili all’azione degradante degli enzimi.

Burne e il suo team ha anche suggerito che l’alterata funzione dell’ippocampo dovuta a carenza di vitamina D può essere responsabile di alcuni sintomi osservati tra i pazienti con schizofrenia, come la perdita di memoria e distorsioni cognitive. Ulteriori studi potrebbero avere implicazioni terapeutiche per questi sintomi schizofrenici.
“Il passo successivo è quello di testare questa nuova ipotesi sul rapporto tra carenza di vitamina D, le reti perineuronali e cognizione”, ha detto Burne.

L’importanza di ottenere abbastanza vitamina D

La vitamina D è una delle sostanze nutrienti essenziali il corpo ha bisogno per funzionare correttamente. E ‘importante evitare la carenza di vitamina D per questi motivi:
Forti ossa: Vitamina D aiuta il corpo regolare il calcio mantenendo livelli di fosforo nel sangue. Inoltre migliora l’assorbimento della vitamina D negli intestini. Questo rende la vitamina D è fondamentale per avere ossa forti e sane.

Meglio il sistema immunitario: Uno studio ha dato i bambini 1.200 unità internazionali (UI) di vitamina D per quattro mesi e ha osservato una riduzione del rischio di infezione da influenza in questi bambini oltre il 40 per cento.
E ‘ridurre il rischio di diabete di tipo 2: carenza di vitamina D nelle persone con diabete di tipo 2 è associato ad una ridotta secrezione di insulina e la tolleranza al glucosio. Uno studio che ha seguito i bambini che hanno ricevuto 2.000 IU di vitamina D al giorno osservata una riduzione del 88 per cento del rischio di diabete di tipo 2 sviluppano dall’età di 32 anni.

Tra le malattie legate alla carenza di vitamina D includono malattie cardiovascolari, ipertensione, sclerosi multipla, l’autismo, la malattia di Alzheimer, l’artrite reumatoide, l’asma e l’influenza suina.
Dopo la dose giornaliera raccomandata di vitamina D è dettagliato secondo gli istituti di medicina degli Stati Uniti (IOM):

  • Neonati 0-12 mesi: 400 UI (10 microgrammi [mcg])
  • I bambini da 1 a 18 anni: 600 UI (15 mcg)
  • Adulti 70 anni: 600 UI (15 mcg)
  • Adulti oltre 70 anni: 800 UI (20 mcg)
  • Donne in gravidanza o allattamento: 600 UI (15 mcg)

*Deepla.EU ringrazia revistanatural.com per aver fornito la fonte d’ispirazione da cui questo articolo è stato tratto.

Leave a Comment

en_USEnglish